Home / Videogiochi / Recensione Silent Hill

Recensione Silent Hill

Salve a tutti e benvenuti alla recensione di un gioco che, personalmente, porto nel cuore. Sto parlando di Silent Hill, survival horror uscito nel 1999 per PS1 . Pronti per avventurarvi nella città della paura?

Trama: Harry Mason e sua moglie Jodie trovano per strada una neonata e, dato che non possono avere figli decidono di adottarla dandole il nome Cheryl. Sette anni dopo, Harry è vedovo da quattro e viene convinto dalla figlia a visitare Silent Hill, una cittadina americana. Padre e figlio intraprendono un viaggio in auto fino a quando, nelle vicinanze della città, una fitta nebbia comincia ad ostacolare Harry e quando questa comincia a sparire l’uomo scorge una ragazza in mezzo alla strada. Per evitarla sterza bruscamente, perde il controllo e sbatte con l’auto in un cancello, perdendo i sensi.
Svegliatosi, l’uomo si accorge che sua figlia non è più in macchina e scende per cercarla. Mentre vaga per le strade nebbiose di Silent Hill, scorge la figura di sua figlia e comincia a seguirla fino a un vicolo buio, dove viene attaccato da dei mostri.
Harry si sveglia ancora una volta, questa volta in un bar dove incontra un’agente del dipartimento di polizia di BrahmsCybil Bennet. La donna decide di aiutare Harry nella ricerca e lo informa che le strade per uscire dalla città sono crepate. I due si dividono. Comincia così l’avventura di Harry Mason in un a città spettrale, dove scoprirà le origini di sua figlia e conoscerà la setta di Silent Hill, L’Ordine.

 

La storia del gioco si presenta come qualcosa di semplice, non molto complicata e godibile. Giocando poi, si viene immersi nella realtà del gioco al punto di volerne sapere anche di più sulla città e sui pochi individui che la vivono

Gameplay: Silent Hill è un Survival Horror in terza persona ciò comporta poche armi, poche munizioni e abbastanza oggetti curativi. La prima cosa che salterà all’occhio del giocatore sarà la nebbia presente sia nella città che in alcuni edifici. Questa non è stata solamente creata per l’atmosfera del gioco, ma anche (ingegnosamente direi) per nascondere il caricamento delle texture, dato che la PS1 ai tempi non riusciva a processare molto. Il gioco si svolgerà sia nelle strade delle città che in alcuni edifici dove scopriremo molto sulla storia della città e sui personaggi. La citta poi, si divide in due dimensioni. La Dimensione Nebbiosa ovvero quella dove la nebbia infesta i luoghi e L’Otherworld, dove i mostri saranno molto più presenti, l’atmosfera sarà molto più cupa, piena di sangue e ruggine e l’unica fonte di luce spesso sarà la torcia del protagonista.                                                                           Sui mostri invece, bisogno fare un discorso a parte. Questi infatti Sono creati dalla psiche di Alessa Gillespie, uno dei personaggi più importanti della saga. Ogni mostro quindi esiste per un motivo logico ovvero la paura e l’odio, sia questa dei cani(per esempio il Groaner) che per le infermiere (la Puppet Nurse) .                                                       I mostri poi, sono attratti dalla luce. Quindi nell’Otherworld, dove l’atmosfera è molto scura, tenere la torcia accesa significa avere addosso tutti i mostri presenti.
Le armi presenti nel giochi saranno di due tipi, Armi Bianche e da fuoco. Naturalmente essendo un Survival Horror le munizioni non crescono sugli alberi ma bisogne cercarle sia per la città che per le varie zone da esplorare, stesso discorso vale per gli item curativi.
 Dei grandissimi complimenti vanno ad Akira Yamaoka, che si è occupato della colonna sonora del gioco.                  Il gioco ha 5 finali, 4 che danno una visione differente della fine della storia, l’altro è il finale UFO, un finale satirico che sarà presente in quasi tutti i capitoli.

 

 

Dunque è il momento dei pareri finali. Anche se il gioco all’inizio potrebbe sembrare noioso, basta poco per ritrovarsi completamente immerso e sentire l’atmosfera (cosa che ritengo importantissima in un Horror) presenta nella città. Silent Hill è un gioco ormai famosissimo, che ha anche delle serie a fumetti, 2 film e sequel della storia… Chissà, magari potremo anche trattarli in futuro…

 

Voti:

Storia: 8.5/10

Gameplay: 8/10

Atmosfera: 9/10

 

Di Luca D'Asta

Controllate anche

Persona 5

Sulle note di “Wake up, Get up, Get Out There” con la splendida voce di …